logo SISS 2016 C top

Ondina Valla
Olimpionica 80 metri ostacoli a Berlino 1936
Tazio Nuvolari
Vanderbilt Cup 1936
Primo Carnera
Campione Mondiale Pesi Massimi 1933-34
Valentina Vezzali
Olimpionica individuale 2000, 2004, 2008
Enrico Fabris
Olimpionico 2006
Marco Pantani
Vittoria al Tour de France 1998

Galluzzo Ridolfi SISSCari Soci della Società Italiana di Storia dello Sport, al momento dell’elezione del nuovo Consiglio Direttivo, Sabato 14 Marzo 2015, ebbi a dichiarare che tutti avrebbero dovuto applicarsi per il bene esclusivo di SISS - Società Italiana di Storia dello Sport e non attendersi miracoli dal presidente o dai consiglieri. Oggi, 1 Febbraio 2018, dopo lunga e ponderata riflessione dovuta ai messaggi di stima ricevuti da Felice Fabrizio, Mauro Checcoli, Marcello Marchioni, Marco Impiglia, Mercedes Palandri, Sergio Giuntini, Antonella Stelitano e Fabrizio Orsini, rimetto irrevocabilmente il mandato consegnando ai vecchi e nuovi soci SISS ed al futuro Consiglio Direttivo una serie di importanti riforme e innovative conquiste.

L’obiettivo del mandato è stato lavorare col massimo impegno possibile compatibilmente con le attività professionali di ciascuno e costruire nell’esclusivo interesse di SISS in modo da farla diventare, attraverso un percorso di medio-lungo termine, l’istituzione culturale di riferimento per la storia dello sport in Italia. E ciò col chiaro intendimento che l’opinione della maggioranza all’interno del gruppo, là dove non vige l’unanimità, sia sempre la retta via da seguire per ogni struttura democratica nella quale debba prevalere l’interesse collettivo generale e non di singoli o di gruppi.

Tengo molto a che tutti i soci fissino nella propria memoria le realizzazioni principali di questo mandato parziale che ho avuto l’onore e l’onere di guidare fin dal 14 Marzo 2015 e che ha visto raggiungere oggi il maggior numero di soci dalla sua costituzione nel 2004.

In questi trenta mesi abbiamo istituito uffici rilevanti per il funzionamento della macchina organizzativa e realizzato la riforma completa dell’organigramma in base alle modifiche statutarie apportate nel 2014. In dettaglio già nell’estate del 2015 sono stati istituiti l’Ufficio Comunicazione prima affidato a Gaia Simonetti e poi a Dario Ricci, l’Ufficio Web affidato a Nicola Sbetti, l’Ufficio Segreteria affidato a Mercedes Palandri con Eleonora Belloni quale vice, l’Ufficio Tesoreria affidato prima a Gustavo Pallicca e poi a Mercedes Palandri, l’Ufficio Cerimoniale affidato a Mariangela Di Napoli, l’Ufficio Multimediale affidato a Tommaso Conforti, l’Ufficio Legale affidato ad Angelo Sorba e l’Ufficio Editoriale affidato a Marco Impiglia. In quella stessa annata abbiamo formato anche il primo Consiglio Scientifico SISS e abbiamo ufficialmente chiesto a CESH il riconoscimento del ruolo di rappresentante esclusivo per l’Italia di SISS per il quale siamo ancora in attesa di definitiva replica. Al termine del 2015 SISS ha cambiato la propria sede legale e inaugurato con una festa prenatalizia la propria sede operativa nel prestigioso Palazzo Rosselli del Turco a Firenze. Importante continuità dal 2015 ad oggi hanno avuto le edizioni dei Quaderni di Storia dello Sport che hanno visto la luce, grazie alla conduzione di Marco Impiglia, nei numeri QdS5, QdS6, sponsorizzato dalla FPI, e del prossimo QdS7, sponsorizzato dalla FISE. In gestazione anche il QdS8 che sarà sponsorizzato da Federvolley. Altro tassello fondamentale per il funzionamento della struttura è stata l’istituzione, secondo il nuovo statuto, dei Dipartimenti di Antichistica affidato a Gianluca Punzo e Storia medievale e moderna affidato ad Anna Benvenuti ma soprattutto quello di Storia Contemporanea assegnato a Nicola Sbetti. Quindi il Dipartimento di Beni Culturali Sportivi affidato ad Angela Teja, il Dipartimento Formazione affidato ad Angela Magnanini e infine, nell’autunno del 2017, il Dipartimento Editoria affidato a Paolo Ogliotti.

In questi due anni e mezzo abbiamo dato a SISS, con piena gratuità grazie al sostegno di sponsor e professionisti amici, un nuovo e più rappresentativo logo e un sito internet al passo coi tempi dotato successivamente di un forum per incoraggiare la partecipazione e condivisione scientifica da parte dei soci. Abbiamo raggiunto un accordo con la European School of Economics per l’utilizzo gratuito delle loro sedi italiane di Milano, Roma e Firenze. Nel periodo gestito dal Consiglio Direttivo da me presieduto si sono anche tenuti i convegni SISS di Marzabotto, Bologna, Caserta e Vercelli organizzati con grande capacità scientifica dai più valenti aderenti della Società Italiana di Storia dello Sport. Abbiamo inserito in statuto una nuova categoria di aderenti qualificata come “Amici” per aprire maggiore ampiezza di SISS. Abbiamo impostato i corsi di formazione affidati ai direttori di dipartimento chiedendone l’approvazione al MIUR. Abbiamo purtroppo dovuto salutare il nostro amato socio Roberto Bugané scomparso alla fine del 2016, un vero esempio per tutti i soci SISS. Al termine del 2017 abbiamo anche istituito la rete decentrata di SISS composta da Coordinatori regionali e Delegati provinciali, riforma questa accolta con vero entusiasmo dagli associati per la prospettiva di attivazione locale. Abbiamo realizzato ponti con tutti i soggetti culturali in ambito sportivo e in particolare con AONI, SdS, e CONI, attività di relazione che ha permesso l’apertura di nuovi orizzonti per SISS. Al principio dell'autunno 2017 abbiamo realizzato un accordo quadro di prospettiva raggiunto col gruppo “Lancillotto e Nausica” (LN) per la gestione di tutte le edizioni SISS.  Un’intesa ottenuta grazie alla proposta e alla mediazione dell'AONI – Accademia Olimpica Nazionale Italiana, nella persona del suo Presidente, il campione olimpico Ing. Mauro Checcoli, la quale prevede un omnicomprensivo accordo-quadro strategico dotato di una visione delle edizioni SISS a lungo termine grazie al quale avviene la riformulazione completa del piano editoriale con piena autonomia scientifica il quale permetterà ai soci SISS un canale privilegiato di espressione delle loro attività di ricerca e storiografia. Abbiamo istituito e attuato con successo il Premio SISS dedicandolo a “Mario Alighiero Manacorda”, per gli storiografi senior, ad “Aldo Capanni”, per i giovani ricercatori, e ”Nora Santarelli” per gli archivisti sportivi. L’ultima edizione del Premio SISS si è celebrata niente meno che davanti ai presidenti di tutte le federazioni nel Salone d’Onore del CONI al Foro Italico per mano del Presidente CONI Malagò e del Presidente AONI Checcoli.

Gli anni che ho trascorso nell’impegno per SISS sono stati di crescita collettiva ma anche personale. Colgo quindi l’occasione per ringraziare dell’opportunità concessami e per la fiducia che è stata posta nella mia persona. Sarò fiero di continuare a servire la causa come semplice socio. E’ arrivato il momento di far posto alle nuove generazioni di SISS affinché possano esprimersi ed utilizzare a pieno e migliorare gli strumenti realizzati nell’ultimo e nei precedenti mandati consiliari. Con la presente comunicazione quindi, rassegno irrevocabilmente le mie dimissioni, nella speranza che siano stati apprezzati il mio contributo e i mie sforzi a favore della SISS.

Firenze, 1 Febbraio 2018

Andrea Claudio Galluzzo

 

 

logo SISS 2016 small